Progettoggetti

Raccolta per una mostra di oggetti delle donne
a cura di Carla Arconte e Bianca Ruggeri


L’associazione Terni Donne sta preparando una mostra temporanea alla Casa delle Donne di Terni. L’idea è quella di cercare e raccogliere degli oggetti che possano raccontare le donne, le loro storie, i desideri, i corpi.

Frugando nei cassetti, aprendo gli armadi, facendo incursioni in soffitta, in cantina... o nell’immaginazione, nella fantasia, nella letteratura... stiamo cercando di ripensare gli oggetti che dicono qualcosa di noi oggi, così come quelli che sono stati significativi per le generazioni passate.

Intersecando le nostre domande e gli oggetti che incontreremo, vorremmo interrogare i cortocircuiti della memoria, immaginare nuove combinazioni e soluzioni per il presente... e fare una mappa delle cose che ci piacciono di più.


Qualche coordinata sugli oggetti che cerchiamo:


- oggetti che raccontano storie di vita, che attivano costellazioni di ricordi e desideri, che rimandano alle persone che li hanno usati, attesi, desiderati
- che hanno un valore simbolico in una logica di oppressione o emancipazione, di costrizione o liberazione... oggetti di cui le donne hanno spesso sovvertito le funzioni, sfumato i significati, rimesso in gioco il senso
- oggetti di cui le donne si sono appropriate, cambiandone il segno e stravolgendone l’uso attraverso l’ironia, il gioco, la trasformazione
- legati al corpo, tra autodeterminazione, seduzione, gioco, mascheramento – che lo hanno vincolato oppure liberato, che lo nascondono o lo aiutano ad esprimersi
- che rimandano alla sfera materiale e funzionale, oggetti d’uso che hanno un valore pratico
- che richiamano delle attività e dei mestieri, che significano un ruolo o una funzione sociale
- creati dalle donne attraverso l’artigianato e l’arte
- che ci fanno riflettere sull’uso e l’organizzazione del tempo, com’è cambiato e come cambia rispetto alle generazioni
- oggetti riciclati, riusati, scambiati, trasmessi
- gli oggetti-conquista... come il primo biglietto del treno, la prima macchina, i pantaloni
- gli oggetti ipersignificanti... tipo la borsa (borsa da donna, da lavoro, zaino, cartella etc.)


Qualche esempio di oggetti che ci piacerebbe trovare...

Li abbiamo raggruppati per temi ma ci interessano anche le loro intersezioni, gli scambi, i rispecchiamenti tra i vari motivi...

oggetti simbolici
lo specchio, il telefono, l’automobile, i libri, le sigarette, i pantaloni, la tesi di laurea

oggetti legati alla creatività, alle attività intellettuali e ludiche
il diario, la lettera, il quaderno, la penna/ i pennelli, foto/ foto di viaggi, macchina da scrivere, strumenti musicali, disegni / arte / oggetti d’artigianato, biglietti treni/aerei, l’hoola-hop, la bicicletta, la radio, i pattini, macchina fotografica, riviste femminili

strumenti del lavoro casalingo ed elettrodomestici (con tutto l’universo della cucina)
la scopa, la lavatrice, la macchina da cucire, uncinetto e ferri da maglia, il ferro da stiro, pentolame e oggetti legati alla cucina, dal mestolo al robot da cucina, strumenti da giardinaggio, macchina da cucire

oggetti per la cura di sé, strumenti di autorappresentazione, oggetti legati al corpo
calze, collant, la giarrettiera, il reggiseno, le mutande. Portagioie, gioielli, amuleti, portafortuna, fedi, anelli... Ceretta, i trucchi, i saponi, i profumi, creme, smalto, il pettine... gli abiti, il bikini, la minigonna, i pantaloni, veli e velette, kimono, ventagli, scarpe... i tacchi a spillo, gli stivali, i cappelli, gli occhiali, la pillola, sex toys, gli assorbenti, la borsa: dalla borsa di mary poppins alla borsa da lavoro, le borse di moda e lo zainetto per la scuola, le borse della spesa, le borse da viaggio...

oggetti delle bambine
i giocattoli... bambole e barbie, peluche, pupazzi, marionette, libri per bambine

oggetti legati al lavoro e ai mestieri
divise (da hostess, sportive, tute da lavoro, grembiuli, cuffie), la borsa dell’ostetrica, la borsa dell’infermiera, la macchina da scrivere, la macchina da cucire, il telaio, gli occhiali, i registri di scuola


Se avete voglia di trovarli e cercarli con noi... belli o brutti, vecchi o nuovi... L’importante è che siano oggetti che per voi significano qualcosa e che ci possono far riflettere insieme...


... ecco alcuni degli oggetti che abbiamo già trovato...

libri per ragazze, foto della prima automobile, divisa da hostess anni sessanta, divisa atletica anni settanta, maglietta e pantaloncini pallavolo, ventagli, trine e merletti primi novecento, diario di una maestra fine ottocento/primi novecento, modelli stilista, foto di viaggi per il mondo, tesi di laurea, maglioncini e vestitini bambine anni sessanta, dischi / giradischi / mangianastri / cassette / cd, macchina da scrivere segretaria anni sessanta, borsa ostetrica, corredo (con biancheria da donna – cuffietta, corpetti e mutande – primo novecento e un abito da mare anni venti), macinino da caffè, barbie anni ottanta, ferro da stiro antico di ghisa (due), bambole (di porcellana e altre), biancheria donne e bambini (2 fasce, 1 camiciola e bavaglini da neonato), assorbenti di stoffa, uovo di legno con aghino per rammendare le calze, foto di costumi di lana anni trenta, macchina da cucire, uncinetto e ferri da maglia, pagelle di scuola elementare, un biberon di vetro anni trenta.


Contatti:

Casa delle Donne, via Aminale 22, Terni


Nessun commento:

Posta un commento