lunedì 5 dicembre 2016

2° TORNEO AMATORIALE DI BURRACO


Torneo rimandato a  SABATO 7 GENNAIO 2017
SCADENZA ISCRIZIONI 5 GENNAIO 2017
PER ISCRIVERSI: ternidonne@gmail.com

2° TORNEO AMATORIALE DI BURRACO
(per sole donne) Tre turni Mitchell e un turno Danese

SABATO 7 GENNAIO 2017
Arrivo massimo entro le 15:30, per registrazione
CASA DELLE DONNE
Via L. Aminale 20/22 - Terni

Quota a persona: 15,00 €
Iscrizioni entro il 5 gennaio 2017
per iscrizioni: ternidonne@gmail.com
oppure passare alla Casa delle Donne
dal lunedì al venerdì dalle 15:30 alle 19:30

La quota di iscrizione comprende un break
con merenda per tutte

Il ricavato del torneo andrà a finanziare 
le attività della Casa delle Donne di Terni

Verranno premiate le 1e, 2e e 3e classificate... e tutte le partecipanti!!!

Grazie per la collaborazione a ASD Fuori Dal Mondo e Centro Sportivo Italiano di Terni



martedì 29 novembre 2016

Incontro con Giuliana Musso

Incontro con Giuliana Musso
Casa delle Donne 
Via L. Animale 20/22 - Terni 
venerdì 2 dicembre ore 17.30



in collaborazione con 
L'Assessorato alla Cultura del Comune di Terni e 
l'Associazione Nascere in Casa Umbria


In occasione dello spettacolo Nati in Casa, in scena al Teatro Secci il 3 dicembre alle ore 21:00, la Casa delle Donne, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Terni e l'Associazione Nascere in Casa Umbria, organizza il 2 dicembre alle ore 17,30 un'incontro per il pubblico con l'autrice/attrice Giuliana Musso.




Nati in Casa
Teatro Secci, 3 dicembre , ore 21.00
Prezzo del biglietto: € 9,00 Intero, di €6,00 Ridotto





NATI IN CASA
con Giuliana Musso
di Giuliana Musso e Massimo Somaglino
regia di Massimo Somaglino

Si nasceva in casa, una volta. Nei paesi c'era una donna che faceva partorire le donne. La "comare",la chiamavano, era la levatrice, l'ostetrica. Nati in casa racconta la storia di donne che furono levatrici in un nord-est italiano ancora rurale e ci racconta l’evento più straordinario e al contempo meno narrato della nostra storia: il parto. Espulso dalla tradizione della trasmissione orale e scritta, il racconto del parto si è ritrovato relegato ad una narrazione femminile intima, quasi segreta, mai pubblica. Nati in casa riconduce il racconto del parto nello spazio epico della narrazione teatrale popolando la dimensione pubblica per eccellenza, il palcoscenico, di figure femminili con grandi pance, di donne che assistono altre donne che da sempre scaraventano l’umanità alla luce.

La narrazione però non ha potuto fermarsi laggiù dove le ostetriche pedalavano nella notte e le famiglie erano piene di bambini: ha incontrato anche le ostetriche ospedaliere di oggi, che hanno sul collo il fiato di medici e primari, che accolgono puerpere sempre più terrorizzate dal parto e toccano con mano i paradossi della medicina difensiva. L’Italia oggi è un paese con un tasso di medicalizzazione del parto tra i più alti del mondo. Ed è proprio l’oggi la porta d’ingresso che ci viene spalancata davanti in un prologo che toglie il fiato dalle risate e dall’imbarazzo, tanto è sottile la linea di demarcazione tra tragedia e commedia, oggi.
In un semplice susseguirsi di risa e lacrime, Nati in casa ci ricorda che il corpo delle donne è potente, che partorire non è una malattia, che i sentimenti sono forme di intelligenza, e che ogni nascita è anche la nostra.


Il monologo è stato scritto da Giuliana Musso e da Massimo Somaglino, che ne ha curato anche la regia, nell’ormai lontano 2001. In questi anni ha superato la boa delle 300 repliche, è stato accompagnato da due diverse case di produzione, prima da Teatro Club Udine e poi, dal 2008, da La Corte Ospitale di Rubiera (RE). Nel 2004 è stato trasmesso in versione ridotta dalla trasmissione Report su RaiTre, nel 2006 è uscito in dvd, in tutte le edicole, allegato al quotidiano L’Unità. Il testo è stato pubblicato dall’editore Minimum Fax nell’antologia “Senza corpo” (2009) e nel 2010, tradotto in francese, ha partecipato al progetto Face à Face, presentato al Theatre de la Ville di Parigi e trasmesso in versione radiofonica da France Culture. E’ stato organizzato all’interno di svariati convegni sul parto, negli ospedali, dai collegi delle ostetriche, dalle associazioni per il parto attivo ed è stato rappresentato come “lectio magistralis” alla scuola di ostetricia di Milano.

lunedì 21 novembre 2016

25novembre #nonunadimeno - La violenza ti riguarda manifestazione a Terni


25 Novembre Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne

NON UNA DI MENO

La violenza ti riguarda

Oggi 25 Novembre 2016, noi donne della Casa delle Donne di Terni, scendiamo in piazza con il Centro Antiviolenza della nostra città “Liberetutte” per manifestare contro la violenza maschile sulle donne, fenomeno strutturale e trasversale della nostra società, che attraversa ogni ambito della nostra esistenza: l'educazione, il lavoro, la salute, le relazioni personali, la famiglia, la politica, che ci impedisce di essere libere e di scegliere del nostro corpo e della nostra vita. Un fenomeno che si nutre di stereotipi, di discriminazioni di violenze psicologiche e fisiche, di maltrattamenti, stupri e aggressioni. Sono gli uomini, con le loro istituzioni che ci offendono, che vorrebbero che fossimo oggetti di proprietà, che ci vorrebbero esclusivamente madri disciplinate e remissive, che ci vogliono togliere la libertà di scelta e autodeterminazione, perché alla base della violenza c'è la disparità di potere fra uomini e donne. E' per questo che oggi a Terni e domani a Roma manifestiamo e scendiamo in piazza unendoci idealmente ad un movimento mondiale di donne che dalla Spagna, alla Polonia, all'Argentina sta affermando che è ora di dire

ADESSO BASTA!

Basta con i Fertility Day, con lo spauracchio del gender, con il riempire gli ospedali di obiettori, con i tagli ai finanziamenti e le chiusure dei servizi per le donne, in particolare i Centri Antiviolenza, basta con il voler trasformare questi servizi in servizi neutri, basta con la mancata protezione e con i calvari che subiscono nei tribunali le donne che denunciano, con il disciplinamento educativo che insegna alle bambine ad essere remissive ed accoglienti e viceversa ai bambini ad essere coraggiosi e predominanti, basta con le campagne televisive che ci vedono vittime predestinate della violenza. Basta con gli articoli dei giornali che giustificano i femminicidi con il tradimento. Basta con un sistema di leggi che invece di aiutare le donne che scelgono di uscire dalla violenza e denunciano spesso le conducono verso la morte (8 donne su 10 uccise avevano denunciato).

Accogliamo con piacere l'approvazione della Leggere Regionale sulle Politiche di genere dopo anni che proprio durante il 25 novembre ne abbiamo denunciato la stasi in Commissione Regionale, la Legge finanzierà i Centri Antiviolenza e altre azioni di prevenzione sul territorio regionale. Noi della Casa delle Donne di Terni che svolgiamo la nostra azione di prevenzione e contrasto della violenza quotidianamente e volontariamente su questo territorio dal 2014 continueremo finché potremo a fare la nostra parte, anche ora che non abbiamo alcuna certezza dei finanziamenti comunali.

Domani 26 novembre saremo in tante a Roma, partiremo con un pullman tutte insieme e ci uniremo alla marea di donne che si sono date appuntamento per gridare #nonunadimeno, non una donna in meno nelle nostre vite, non una donna in meno in questo percorso di riscrittura di un Piano Nazionale Antiviolenza Femminista.

In ultimo un grazie al nostro coro “Vocinsieme”, che canterà per noi in questa manifestazione e domani a Roma unendosi a tantissimi altri cori di donne, a voci spiegate contro la violenza, per la libertà di tutte le donne.


LIBERE DI ESSERE, LIBERE DI VIVERE!


Casa delle Donne – Via L. Aminale 20/22 – Terni
aperta dal lun al ven dalle 15:30 alle 19:30
fb: Casa delle Donne – Terni tw: @TerniDonne



Venerdì 25 novembre alle ore 17:00

Stazione di Terni
NON UNA DI MENO
La violenza ti riguarda



Contro la violenza maschile sulle donne, 
che ci riguarda tutte, si manifesta anche a Terni! 



In occasione del 25 novembre
Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne, la Casa delle Donne di Terni e Terni Donne 
in collaborazione con l'Associazione Libera...mente Donna organizza una manifestazione 
che partirà dalla Stazione di Terni ed attraverserà il centro della città. 
Passeremo in Viale della Stazione, a Piazza Tacito, Corso Tacito, Piazza della Repubblica e da lì raggiungeremo il Caos.
Di tanto in tanto ci fermeremo per cantare con il coro della Casa delle Donne di Terni "Vocinsieme", 
e faremo sentire le nostre voci!


domenica 13 novembre 2016

PROGRAMMA DELLE INIZIATIVE PER IL 25 NOVEMBRE


PROGRAMMA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITA'

IN OCCASIONE DEL 25 NOVEMBRE

GIORNATA INTERNAZIONALE PER L'ELIMINAZIONE

DELLA VIOLENZA SULLE DONNE

Un terzo delle donne italiane, straniere e migranti, subisce violenza fisica, psicologica, sessuale, spesso fra le mura domestiche e davanti ai suoi figli. Dall’inizio dell’anno decine e decine di donne sono state uccise in Italia per mano maschile. La violenza maschile sulle donne non è un fatto privato né un’emergenza ma un fenomeno strutturale e trasversale della nostra società, un dato politico di prima grandezza che affonda le sue radici nella disparità di potere fra i sessi. Le politiche di austerity e riforme come quelle del lavoro e della scuola, in continuità con quanto accaduto negli ultimi dieci anni, non fanno altro che minare i percorsi di autonomia delle donne e approfondire le discriminazioni sociali, culturali e sessuali.
La violenza attraversa ogni aspetto dell’esistenza, la violenza ci riguarda, controlla e addomestica i corpi e le vite delle donne: in famiglia, sui luoghi di lavoro, a scuola, all’università, per strada, di notte, di giorno, negli ospedali, sui media, sul web.
I media continuano a veicolare un immaginario femminile stereotipato: vittimismo e spettacolo, neanche una narrazione coerente con le vite reali delle donne. La politica ci strumentalizza senza che ci sia una concreta volontà di contrastare il problema: si riduce tutto a dibattiti spettacolari e trovate pubblicitarie. Non c’è nessun piano programmatico adeguato. La formazione nelle scuole e nelle università sulle tematiche di genere è ignorata o fortemente ostacolata, solo qualche brandello accidentale di formazione è previsto per il personale socio-sanitario, le forze dell’ordine e la magistratura. Dai commissariati alle aule dei tribunali subiamo l’umiliazione di essere continuamente messe in discussione e di non essere credute, burocrazia e tempi d’attesa ci fanno pentire di aver denunciato, spesso ci uccidono.
Dal lavoro alle scelte procreative si impone ancora la retorica della moglie e madre che sacrifica la sua intera vita per la famiglia.
Di fronte a questo scenario tutte siamo consapevoli che gli strumenti a disposizione del piano straordinario contro la violenza del governo, da subito criticato dalle femministe e dalle attiviste dei centri antiviolenza, si sono rivelati alla prova dei fatti troppo spesso disattesi e inefficaci se non proprio nocivi. In più parti del paese e da diversi gruppi di donne emerge da tempo la necessità di dar vita ad un cambiamento sostanziale di cui essere protagoniste e che si misuri sui diversi aspetti della violenza di genere per prevenirla e trovare vie d’uscita concrete.
È giunto il momento di essere unite ed ambiziose e di mettere insieme tutte le nostre intelligenze e competenze.
La violenza maschile sulle donne può essere affrontata solo con un cambiamento culturale radicale, come ci hanno insegnato l’esperienza e la pratica del movimento delle donne e dei Centri Antiviolenza, che da trent’anni resistono a ogni tentativo delle istituzioni di trasformarli in servizi di accoglienza neutri, negando la loro natura politica e di cambiamento.


  • 16 novembre 2016 – ore 18:00 – Casa delle Donne di Terni
Presentazione del libro: Il dolore del tiglio di Laura Scanu, Twins Edizioni
L'autrice incontrerà le donne e sarà intervistata da Paola Gigante, Presidente dell'Associazione Terni Donne.

  • 18 novembre 2016 – ore 18:00 – Casa delle Donne di Terni
Verso il 26 e 27 novembre con Lucha y Siesta
La Casa delle Donne di Terni incontra la Casa delle Donne Autogestita di Roma Lucha y Siesta per conoscersi e capire come è possibile ripensare il welfare per le donne a partire dai loro bisogni e dai loro desideri, contestualmente sarà presentato il libro di Patrizia Fiocchetti “Donne Combattenti in Iran, Kurdistan e Afghanistan”, Lorusso Editore. A seguire aperitivo e raccolta di offerte per le spese organizzative della manifestazione del 26 novembre e per la giornata del 27 novembre.

  • 21 novembre 2016 – ore 18:00 – Casa delle Donne di Terni
Riunione organizzativa per il 25 novembre a Terni
Ci vediamo alla Casa delle Donne per organizzare i materiali che utilizzeremo il 25 novembre durante il Corteo.

  • 25 novembre 2016 – ore 17:00 – Corteo dalla stazione al Caos
#NonUnaDiMeno – La violenza ti riguarda
Con un corteo attraverseremo le vie della città, partiremo dalla Stazione di Terni, faremo tappa a Piazza Tacito e Piazza della Repubblica per poi raggiungere il Caos. Durante il Corteo saremo accompagnate dal Coro della Casa delle Donne “Vocinsieme” che canterà a voci spiegate contro la violenza. In collaborazione con l'Associazione Libera...mente Donna.

  • 25 Novembre 2016 – ore 19:00 e ore 21:00 – Teatro Secci di Terni
Accanto a te – Spettacolo teatrale
Uno spettacolo realizzato nell'ambito del Progetto Europeo Action for Change, dalla Cooperativa Borgo Rete e dall'Associazione Libera...mente Donna in collaborazione con la Regione Umbria, il patrocinio del Comune di Perugia e la Partnership della Cooperativa Fonetmaggiore.
Ingresso gratuito, posti limitati, prenotazione obbligatoria.

  • 26 novembre 2016 – ore 14:00 – Piazza della Repubblica, Roma
#NonUnaDiMeno – Manifestazione Nazionale
Tutte insieme contro la violenza maschile sulle donne
Con un pullman gratuito in partenza dal Terminal Bus della Stazione di Terni alle ore 10:30 raggiungeremo Roma per unirci in corteo alle donne che verranno da tutta Italia e partecipare alla grande Manifestazione Nazionale. Per prenotare il pullman scrivere un'email a ternidonne@gmail.com oppure passare alla Casa delle Donne. In collaborazione con CGIL Terni e Associazione Libera...mente Donna.

  • 27 novembre 2016 – ore 10:00
Scuola Elementare Federico Di Donato, Via Nino Bixio, 83, Roma
Tavoli Tematici Nazionali
Parteciperemo ai tavoli di #NonUnaDiMeno per la definizione di un Piano Nazionale Femminista Contro la Violenza Maschile.

  • 2 dicembre 2016 – ore 17:30 – Casa delle Donne di Terni
Incontro con Giuliana Musso
In occasione dello spettacolo “Nati in Casa”, in scena al Teatro Secci il 3 dicembre alle ore 21:00, la Casa delle Donne di Terni, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Terni e con l'Associazione Nascere in Casa Umbria, organizza un incontro con il pubblico con l'attrice/autrice Giuliana Musso.


Casa delle Donne di Terni – Associazione Terni Donne
Via L. Aminale 20/22 – Terni
tw @TerniDonne


martedì 8 novembre 2016

VERSO IL 26 e 27 NOVEMBRE con Lucha y Siesta


"Alzerò la mia voce al di sopra del brusio dei potenti. La renderò tuono, perché esploda tra le nuvole e le sue note cadano come gocce di pioggia a far respirare la terra. Se per questo pagherò, subirò violenza o l’esilio non mi fermerò. Perché difendo la vita e la verità e non legittimo confini.
Né madonna, né puttana, né santa, né strega. Sono Donna, sono persona, sono padrona del destino, colei che scrive la Storia del mondo."

<<<VERSO IL 26 e 27 NOVEMBRE con Lucha y Siesta>>>


Il 18 Novembre 2016 a partire dalle 18:00 incontreremo, presso la Casa delle Donne di Terni, le nostre amiche e compagne della Casa delle Donne Autogestita di Roma LUCHA Y SIESTA. 
https://luchaysiesta.wordpress.com/

L'incontro sarà l'occasione per conoscerci e per capire come sia possibile ripensare il welfare per le donne a partire dalle donne stesse, dai loro bisogni, ma anche dai loro desideri. 

Nell'ambito dell'incontro presenteremo anche il libro 
VARIAZIONI DI LUNA
Donne combattenti in Iran, Kurdistan, Afghanistan

di Patrizia Fiocchetti, che sarà presente all'incontro
http://www.lorussoeditore.it/prodotto/variazioni-di-luna-donne-combattenti-in-iran-kurdistan-afghanistan/

Al termine dell'incontro sarà offerto un aperitivo e varranno raccolte delle offerte per contribuire alle spese di organizzazione della manifestazione.

>>>LUCHA Y SIESTA<<<
La Casa delle Donne Lucha y Siesta nasce nel 2008 dal recupero e dalla valorizzazione di una palazzina degli anni ’20 di proprietà dell’Atac nella zona di Cinecittà. Negli anni questo luogo abbandonato si è trasformato in uno spazio materiale e simbolico di autodeterminazione delle donne.

Un progetto di accoglienza abitativa e sociale al femminile che fornisce informazione, orientamento, ascolto e accoglienza alle donne che ne hanno necessità; in cui si svolgono diverse attività culturali e produttive che rendono Lucha y Siesta uno spazio di socialità, condivisione di esperienze e competenze. In questi anni tantissime donne con le loro esperienze di vita hanno attraversato la casa e l’hanno plasmata, rendendola un luogo che contribuisce a rimettere in moto le intelligenze femminili calpestate, a ridare loro forza e valore oltre che restituire alla cittadinanza un pezzo importante del patrimonio pubblico.

Un progetto politico che promuove nuove formule di welfare e di rivendicazione di diritti a partire dal protagonismo femminile. Non vogliamo sostituirci al settore pubblico, ma lavoriamo per sperimentare nuove formule di intervento dal basso che valorizzano le competenze e le capacità personali, fanno uso del partenariato fra istituzioni, associazioni e territorio e utilizzano il patrimonio pubblico in disuso, con il fine di favorire lo sviluppo locale e di fornire servizi aggiornati e con una copertura più ampia.

Lucha y Siesta in questo panorama è un esperimento innovativo e, possiamo dire, anche riuscito: non è una casa di accoglienza né un centro antiviolenza, ma è tutto questo e molto di più; è un progetto di semi-autonomia nato dalla lotta e dall’autorganizzazione delle donne, un luogo che in poco tempo è divenuto un punto di riferimento nel panorama cittadino, che lavora in sinergia con servizi sociali, centri antiviolenza, sportelli per il disagio sociale, con realtà e associazioni delle donne, in un’ottica di autonomia e non di assistenza.

Pur avendo avuto informali riconoscimenti dal mondo istituzionale, Lucha y Siesta non riceve finanziamenti e non può partecipare ai bandi, resistiamo quindi grazie ai contributi volontari di chi crede nel progetto. Secondo la legge lo stabile è “abusivamente occupato” e sotto sgombero, secondo noi, invece, è “legittimamente valorizzato” e dovrebbe essere assegnato all’Associazione che lo anima. Ciò permetterebbe l’accesso a piccoli finanziamenti per la ristrutturazione, l’avvio di nuove attività e la stipula di convenzioni con le Università ed altri soggetti in modo da restituire alla città un bene valorizzato unito con un modello di intervento nuovo e sostenibile.


>>>VARIAZIONI DI LUNA<<<

Mah, nella mitologia persiana, è una divinità femminile, rappresentazione della Luna, regina della notte. Mah è anche la radice di molti nomi femminili, tante variazioni di Luna, che ritornano nelle storie di donne qui raccontate: Mahshid, Mahtab, Mahin, Mahnaz.
Donne che hanno scelto di non tacere e non rassegnarsi di fronte a un destino di sottomissione che sembrava segnato, per loro e per i popoli a cui appartengono. Le loro vite si incrociano con quelle di una donna proveniente dall’Italia, l’autrice del libro Patrizia Fiocchetti, che dopo 13 anni di militanza con la resistenza al regime khomeinista dell’Organizzazione dei mojahedin del popolo iraniani incontra altre donne e altre resistenze, tra le rivoluzionarie afghane di Rawa, le combattenti curde delle Ypj e tante altre voci e volti di donne, declinazioni di lotte lontane ma comuni.

Patrizia Fiocchetti per più di vent’anni ha lavorato con i rifugiati politici con il Consiglio Italiano per i Rifugiati, la Caritas di Roma e il Servizio centrale del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (Sprar). Ha pubblicato Afghanistan fuori dall’Afghanistan (Poiesis ed. 2013, con Enrico Campofreda) e ha partecipato ai libri Una mattina ci siam svegliate (Round Robin, 2015) e Si può ancora fare (Safarà, in uscita nel 2016). Ha pubblicato articoli con Il Manifesto e le riviste Laspro, Confronti e Guerre e Pace.

Presentazione del Libro il dolore del Tiglio


MERCOLEDì 16 NOVEMBRE 2016 - 18:00
CASA DELLE DONNE DI TERNI
Via L. Aminale 20/22 - Terni

Presentazione del libro: Il dolore del tiglio - Twins Edizioni
   Incontro con l'autrice Laura Scanu   
presenta Paola Gigante - Terni Donne

“Le donne sono in intima relazione con il dolore. Hanno la stessa capacità del metallo di resistere alle forze che vi vengono applicate. Per un metallo la resilienza è il contrario della fragilità. Per una donna anche.”

"Il dolore del tiglio", terzo romanzo della scrittrice, racconta la storia di una donna vittima di violenza da parte del marito, ma, come dice il sottotitolo, "Ogni sole tramonta per preparare una nuova alba".

Il grande assente del libro è il giudizio: in un mondo patriarcale che dice, e dicendo impone, alle donne cosa pensare, dire e fare, Laura Scanu, senza la presunzione di rispondere ad alcun perché, traccia possibili linee, mostra uno scenario in cui ognuno gioca il suo ruolo nel decidere le sorti di un'esistenza in bilico fra l'abnegazione, culturalmente richiesta, e la volontà propria che stenta a trovare i suoi luoghi.

Laura Scanu è nata a Todi, vive e insegna a Magliano Sabina (RI). Inizia a scrivere dopo un corso con Vincenzo Cerami, mettendo in pratica tutto il mondo di letture di una vita: sin da piccola il suo luogo preferito era la biblioteca. Scrive di donne e di tematiche sociali: prima "Laura e Cosimo", edito da Il Filo, in cui parla di donne e mafia, poi il breve romanzo "Prima che cali il silenzio", edito da LCE, affronta il problema della pedofilia, e infine nel 2016 "Il dolore del tiglio", edito da Twins, in cui racconta di violenza domestica. I suoi libri trasudano dolore. Per lei scrivere è un impegno civile. 

domenica 6 novembre 2016

RIFORMA COSTITUZIONALE - Istruzioni per l'uso


RIFORMA COSTITUZIONALE

Istruzioni per l'uso



Il Referendum Costituzionale che si terrà in Italia il 4 dicembre 2016 è stato indetto per poter confermare o respingere la cosiddetta riforma Renzi-Boschi, contenuta nella legge costituzionale approvata dal Parlamento il 12 Aprile 2016. Detta Riforma contiene disposizioni riguardanti il superamento del bicameralismo perfetto, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della II parte della Costituzione.





Alla Casa delle Donne ne parleremo insieme alle nostre socie:
Carla Arconte
Raffaella Chiaranti
Rosella Mastodonti
Simona Schiavoni



Venerdì 11 Novembre 2016
alle ore 17:30
Casa delle Donne di Terni
Via L. Aminale 20/22

Per info e contatti ternidonne@gmail.com


cliccando QUI

potete consultare e scaricare le slides elaborate dal gruppo di lavoro della Casa delle Donne di Terni 
che ha analizzato le proposte di revisione della Costituzione Italiana che siamo chiamate ad approvare o a respingere con il Referendum Costituzionale del 4 dicembre 2016.

Ringraziamo le nostre quattro socie per il lavoro svolto e vi invitiamo ad un voto consapevole.

giovedì 3 novembre 2016

Pullman per la Manifestazione del 26 Novembre a Roma #nonunadimeno


La Casa delle Donne di Terni in collaborazione con L'Associazione Libera...mente Donna, la Rete della Donne  Anti Violenza di Perugia e la CGIL di Terni e Perugia organizzano dei Pullman in partenza da Terni e Perugia per partecipare alla manifestazione NON UNA DI MENO a Roma Sabato 26 Novembre.

La partenza del pullman di Terni è prevista alle ore 10:30 della mattina dal Terminal Bus vicino alla Stazione Ferroviaria di Terni. Il ritorno è previsto al termine della manifestazione sempre in Pullman. 

L’inizio del corteo nazionale #NonUnaDiMeno del 26 novembre è previsto alle ore 14.00 a Piazza Esedra (vicino la fermata metro A Repubblica) e si concluderà a Piazza San Giovanni (vicino la fermata metro A San Giovanni).

Per prenotarsi inviare un'email a ternidonne@gmail.com 
indicando oltre al nome e cognome anche il numero di telefono

NON UNA DI MENO non è solo una Manifestazione è un percorso, una rete nazionale alla quale aderisce anche l'Associazione Terni Donne e la Casa delle Donne:
https://nonunadimeno.wordpress.com/

sabato 29 ottobre 2016

Cori di Donne per Non Una di Meno

Cori di Donne per Non Una di Meno

#nonunadimeno #cantareinsieme #camminareinsieme #casadelledonneterni #casadelledonneluchaysiesta #vocinsieme #lecoeur



Partecipiamo alla manifestazione del 26 novembre cantando !!!
E' una proposta del Coro Vocinsieme della Casa delle Donne di Terni con il Coro Le Coeur della Casa delle Donne Lucha Y Siesta a Roma. Insieme ne coinvolgeremo altri.

Noi di Vocinsieme abbiamo proposto e condiviso con Le coeur il Canto de Oxum, che, come ci ha detto Lisa Maroni che nei mesi scorsi ce lo ha insegnato alla Casa di Terni - “è un estratto di un canto per Oxum, divinità (orixá) afrobrasiliana femminile regina dell'acqua dolce, dei fiumi, delle cascate, prende il suo nome da un fiume (Osun) che si trova in Nigeria. Nella religione afrobrasiliana ogni divinità incarna una qualità, un colore e chi la segue arriva poi a sentire il suo richiamo verso una delle divinità tanto da arrivare ad essere chiamati Figli di Oxum, ad esempio, o Yemanjá, o Ogum. Oxum incarna la saggezza e il potere femminile, spesso rappresentata con il colore giallo oro che esalta la sua prosperità e abbondanza. Come tutte le divinità afrobrasiliane , è bella e vanitosa!” - Vorremmo che questo canto fosse cantato da tante donne di altri cori, o da donne che si vogliano unire al canto, il 26 novembre per “tirar fuori” un unico suono, la nostra voce – per citare il bellissimo passo del documento del collettivo “Ni una menos” in Plaza De Mayo, Buenos Aires del 19 ottobre: “Siamo donne, trans, travestite, lesbiche. Siamo molte, e della paura che ci vogliono imporre e dalla furia che ci tirano fuori a forza di violenza, ne facciamo un suono, una mobilitazione, un grido comune: Non una di meno! Ci vogliamo vive! 

I nostri cori hanno nomi e volti, ecco i primi, quelli delle nostre maestre: Lisa Maroni, Elena D'Ascenzo, Anna Maria Civico per “Vocinsieme” Coro della Casa delle Donne di Terni, Daniela De Angelis maestra del Coro “Le Coeur” di Lucha Y Siesta. A cui si aggiungono nel post dell'evento tutte le donne che ne fanno parte.
Abbiamo scelto di cantare il Canto de Oxum perchè le sue parole richiamano uno stato femminile di pace, di serenità e di dolce contemplazione, mentre le sue note blues, con elementi presenti in molti blues del mondo, ci connettono con il presente di vite segnate da sentimenti contrastanti, tristi, drammatici.  #cantareinsieme #camminareinsieme è la nostra forza, con questo vogliamo nutrire e nutrirci della partecipazione e della condivisione durante la manifestazione del 26 novembre per un percorso comune.

PER ORGANIZZARE L'APPRENDIMENTO DEL CANTO: nei prossimi giorni pubblicheremo registrazioni e testo del canto che possano essere di base per apprenderlo. La proposta di Daniela di Lucha Y Siesta, che noi condividiamo, è di una serata aperta a tutte le donne che vogliano impararlo in un appuntamento il 25 novembre alla Casa Lucha Y Siesta a Roma. Noi faremo lo stesso alla Casa delle Donne di Terni il 3 e il 17, e il 25 novembre in piazza.

Un primo coro di donne che ha aderito, tra quelli che stiamo contattando è il coro CORINSIEME che unisce tre formazioni diverse tutte dirette da Paula Gallardo (Argentina): Coroincanto + Nuovo Coro Popolare + Nonsolocoro che si riuniscono a cantare in vari luoghi di Centocelle a Roma.

L'adesione è aperta a tutti i Cori di Donne sparsi per l'Italia!!!! Vi aspettiamo !!!

FB Cori di Donne per Non Una di Meno

In ricordo di Laura: libere di essere, libere di vivere


LIBERE DI ESSERE, LIBERE DI VIVERE



Oggi Sabato 29 ottobre ricorre il secondo anniversario della morte di LAURA LIVI, giovane donna ternana, uccisa a coltellate alla presenza delle sue 2 figlie nella sua casa, da un marito violento, crudele e possessivo. Vogliamo ricordarla oggi e tutti i giorni, unirci al dolore dei familiari, delle figlie, di tutti e tutte coloro che la conoscevano e l'amavano. Laura era una donna piena di vita, una donna forte che ha lottato per la sua libertà e che purtroppo non ce l'ha fatta.
Tutte le donne che quotidianamente lottano per liberarsi dalla violenza maschile e costruirsi una vita dignitosa sono nostre sorelle, sono in prima linea in una battaglia che ci riguarda tutte. E' la battaglia contro un sistema che ci vuole tutte soddisfatte e realizzate nel ruolo di madri e che si preoccupa della fertilità del nostro apparato riproduttivo piuttosto che della nostra salute, che tollera e giustifica le molestie sul lavoro e la violenza sessuale, che rifiuta l'autodeterminazione delle donne e lascia che muoiano di aborto a causa della mancanza di medici non obiettori nei reparti di ginecologia, che non retribuisce equamente il lavoro e le competenze di uomini e donne e che taglia i fondi ai Centri Anti Violenza.
Proprio in questi giorni siamo occupate nella preparazione degli eventi del 25 novembre nella nostra città e del 26 e 27 novembre giornata in cui saremo a Roma l'una accanto all'altra per partecipare alla mobilitazione nazionale NON UNA DI MENO Contro la violenza maschile sulle donne, continueremo a farlo con Laura nel cuore, per tutte le donne uccise e per i loro figli e figlie per le quali questo sistema è ancora lontano dal rendere loro giustizia!

Associazione Terni Donne // Casa delle Donne Terni

mercoledì 12 ottobre 2016

Convocazione Assemblea dell'Associazione Terni Donne

Convocazione Assemblea dell'Associazione Terni Donne
Prima convocazione mercoledì 26 ottobre alle ore 7:00 
presso la Casa delle Donne di Terni in via Aminale, 20/22 - Terni

seconda convocazione:

Mercoledì 26 ottobre dalle ore 18:00
presso la Casa delle Donne di Terni
Via L. Aminale, 20/22 - Terni

18:00 - 19:00 

1.
25 novembre 2016 a Terni, che fare?
Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne

2.
Verso la manifestazione nazionale del 26 novembre a Roma
Tutte insieme contro la violenza maschile sulle donne

19:00 - 20:00

Rinnovo delle cariche sociali e approvazione modifiche allo statuto
Il consiglio direttivo in carica è a fine mandato poiché le cariche sociali da statuto associativo durano due anni. 
È tempo dunque di eleggere un nuovo consiglio direttivo.
Chi fosse interessata a far parte del consiglio direttivo dell'associazione può far pervenire all'attuale direttivo la propria candidatura. 
Scrivendo un'email a ternidonne@gmail.com.
Sarà comunque possibile candidarsi anche al momento dell'assemblea.

***
L'Assemblea sarà l'occasione, per le socie che ancora non l'avessero fatto, 
per rinnovare l'adesione all'Associazione per il 2016

Si raccomanda la puntualità. 
L'Assemblea sarà accompagnata da cibo e bevande spezzafame!