martedì 17 novembre 2015

CONTRO LA VIOLENZA - IL 25 NOVEMBRE DELLA CASA DELLE DONNE


CONTRO LA VIOLENZA


IL 25 NOVEMBRE DELLA 



CASA DELLE DONNE DI TERNI



Il 25 Novembre è la Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne, “Una giornata che accende i riflettori su un problema che ci interroga come donne e come uomini, prima ancora che come associazioni, come comunità che non può tollerare ed assistere impotente a quello che succede anche nella nostra città.” Così Paola Gigante, Presidente dell'Associazione Terni Donne, che prosegue: “Lo scorso anno a Terni sono state uccise 2 giovani donne, una ad aprile l'altra a ottobre, entrambe per mano dell'uomo che viveva con loro, entrambe in modo crudele ed efferato, 2 omicidi terribili, la prima è stata uccisa a martellate e l'altra a coltellate. Nel secondo caso le sue due bimbe erano in casa nel momento dell'omicidio. Questo ci porta quest'anno a riflettere sul tema della Violenza Assistita, ovvero dei terribili danni emotivi e psicologici che subiscono i bambini e le bambine che assistono alle violenze e ai maltrattamenti che gli uomini infliggono alle donne, loro madri o figure affettive di riferimento.”

Per questi motivi il 25 novembre di quest'anno l'Associazione Terni Donne, che gestisce il servizio socio-culturale della Casa delle Donne di Terni, in collaborazione con L'Associazione Libera...Mente Donna, che gestisce il Centro Antiviolenza “Liberetutte” e il Comune di Terni hanno deciso di creare diversi momenti di riflessione sul tema della violenza assistita. Prima di tutto un seminario formativo dal titolo “Figli e figlie invisibili. La violenza assistita: un approccio di rete” che si terrà a partire dalle ore 10:00 di mercoledì 25 novembre presso la Casa delle Donne di Via Aminale 20/22 e che vedrà la partecipazione di esperte operatrici dei servizi antiviolenza del territorio, neuropsichiatri infantili della USL Umbria 2 ed assistenti sociali del Comune di Terni. Il seminario affronterà il problema da diversi punti di vista, si approfondiranno in particolare i risvolti psicologici e legali legati al fenomeno che spesso non viene preso in adeguatamente in considerazione, come sottolinea Silvia Menecali, Responsabile del Centro Antiviolenza “Liberetutte” di Terni: “La violenza assistita, è una vera e propria forma di maltrattamento psicologico, che il più delle volte è sottovalutato o addirittura ignorato, che riverbera i suoi effetti sul minore a livello emotivo, cognitivo, fisico e relazionale. Dall'esperienza dei Centri Antiviolenza emerge che la violenza contro del donne e la violenza assistita dai loro figli non sono due condizioni distinte e che perciò l’intervento deve affrontare il problema in modo integrato, risulta di fondamentale importanza l'adozione di un linguaggio comune, che rimandi a letture comuni per poter identificare in modo inequivocabile la violenza assistita.”

Il seminario- prosegue Paola Moriconi, Presidente dell'Associazione Libera...Mente Donna - ha l'obiettivo di condividere una prospettiva comune nelle azioni di contrasto alla violenza assistita, integrando competenze e creando sinergie, a partire dall'esperienza di ogni soggetto partecipante.”

Con l'espressione “violenza assistita” (witnessing violence) si indicano quegli atti di violenza fisica, psicologica, sessuale ed economica compiuti su figure affettive di riferimento, di cui il bambino può fare esperienza direttamente (quando avviene nel suo campo percettivo), indirettamente (quando il minore è a conoscenza della violenza) e/o percependone gli effetti. Si include inoltre l’assistere a violenze di minori su altri minori e/o su altri membri della famiglia e ad abbandoni e maltrattamenti ai danni di animali domestici (CI.S.M.A.I., 2005).

Alla Casa delle Donne sarà inoltre allestita una mostra di illustrazioni, dal 20 al 29 novembre proprio sul tema della violenza assistita che potrà essere visitata dal lunedì al venerdì dalle ore 15:30 alle ore 19:30. L'illustratrice, Stefania Spanò al secolo Anarkikka, conosciutissima sul web e sui social network per aver più volte dato voce alle donne attraverso le sue vignette, riassume in 15 tavole gli aspetti fondamentali del dramma della violenza assistita rendendo immediatamente intuibile, attraverso le immagini, quali possano essere le terribili conseguenze alle quali vanno incontro i bambini e le bambine che assistono quotidianamente a maltrattamenti e violenze.

La mostra sarà portata in Piazza della Repubblica nel pomeriggio di mercoledì 25 novembre, dove le donne della città si ritroveranno a partire dalle ore 18:00 per sensibilizzare la cittadinanza e sollecitare le istituzioni a fare tutto il possibile per sostenere le donne, e proteggere i bambini e le bambine, ma anche per opporsi a decisioni come quelle della Prima Commissione della Regione Umbria che ha deciso di dimezzare il contributo regionale per le politiche di genere, prima ancora di approvare una Legge Regionale sulla parità di genere, legge che si attende già dalla prima legislazione Marini!
In piazza le donne porteranno accessori ed indumenti rossi, simboli da sempre di questa lotta e saranno affiancate dai ragazzi e dalle ragazze del Progetto Mandela, che eseguiranno una performance.

La giornata si concluderà alle 21:00 alla Casa delle Donne dove il Centro Pari Opportunità della Regione Umbria presenta la messa in scena di una piecè teatrale dal titolo “Finchè...” con Karin De Ponti e Eleni Maragkaki, la piecè, liberamente tratta da “Finchè morte non ci separi” di Francesco Olivieri, è la storia di due donne che vengono ammazzate dai loro rispettivi compagni. Due donne all'apparenza molte diverse, una che rispecchia tutti i luoghi comuni della donna maltrattata e spesso uccisa, l'altra che elude ogni luogo comune e che nonostante viva una vita agiata e ripiena di affetto finisce come l'altra. Con ironia e allo stesso tempo con toni tragici entrambe narrano da morte la loro condizione fino al momento dell'uccisione. Un invito alla riflessione e al porsi delle domande serie su come affrontare questo dramma. Ingresso libero.
Associazione Terni Donne

Associazione Libera...Mente Donna


dal 20 al 29 novembre 

presso la CASA DELLE DONNE di TERNI

Mostra delle illustrazioni di Anarkikka

Violenza Assistita

"I bambini che assistono alla violenza sono vittime di violenza"

A cura di Associazione Terni Donne



Visitabile dal lunedì al venerdì dalle 15:30 alle 19:30 

mercoledì 25 e venerdì 27 novembre fino alle 23:00

Visitabile dalle scuole tutte le mattine previo appuntamento: 

email ternidonne@gmail.com - sms 3295653008.




***

mercoledì 25 novembre
dalle ore 10:00 alle ore 13:00
presso la CASA DELLE DONNE di TERNI
Via L. Aminale 20/22

Seminario formativo
Figli e figlie invisibili. La violenza assistita: un approccio di rete.
a cura di Associazione Libera...Mente Donna, Associazione Terni Donne 
e in collaborazione con Comune di Terni




***

mercoledì 25 novembre 
alle ore 18:00
PIAZZA DELLA REPUBBLICA

Donne in piazza contro la violenza
sulle donne, sui bambini e sulle bambine
a cura di Associazione Terni Donne, Associazione Libera...Mente Donna 
e in collaborazione con Progetto Mandela
INDOSSIAMO TUTTE UN ACCESSORIO O UN INDUMENTO ROSSO



***

mercoledì 25 novembre 
alle ore 21:00
presso la CASA DELLE DONNE di TERNI
Via L. Aminale 20/22

Piéce Teatrale

"Finchè..."

con KARIN DE PONTI e ELENI MARAGKAKI
ingresso libero

musiche di Alessandro Lamoratta
scenografia del maestro Sergio Rando

liberamente tratta da “Finché morte non ci separi”
di Francesco Olivieri
regia di Alessandro Merletti De Palo
e Giovanni Caloro

a cura del Centro per le Pari Opportunità della Regione Umbria



***

venerdì 27 novembre 
alle ore 21:00
presso la CASA DELLE DONNE di TERNI
Via L. Aminale 20/22

Performance Solista di Elena d'Ascenzo
GROUND 'N' ROOTS
Traditional Blues e musica Afroamericana
Entrata libera e uscita a cappello, i fondi raccolti saranno destinati alla Casa delle Donne di Terni


***

 Di seguito il programma completo delle iniziative 
per il 25 Novembre a Terni:




lunedì 9 novembre 2015

PARLAMI DEI CONFINI - Donne migranti si raccontano


PARLAMI DEI CONFINI
Donne migranti si raccontano

Incontri aperti nello spazio accogliente della Casa delle Donne di Terni, tra donne migranti e rifugiate politiche sul tema del confine.

Il confine nell'esperienza del viaggio dal Mediterraneo o via terra. Incontri per scambiarsi narrazioni e riflessioni sui confini vissuti nella città dove si vive attualmente e quelli affrontati durante i viaggi per arrivare in Italia. 

Verrà facilitata la narrazione in lingua madre. 
Inoltre se il gruppo sarà disponibile le storie potranno essere scritte.

 Il gruppo sarà facilitato da due mediatrici culturali e linguistiche
intervengono Akrad El Hassania e Anna Maria Civico

Parlez-moi des frontières
Femmes immigrées qui se racontent

نساء مهاجرات يتحاكون
كلمني عن الحدود
luogo - lieu
Casa delle Donne di Terni – Via Aminale, 22
via Aminale 22 المكان: بيت المرأة تيرني
quando - date
lunedì 23 e 30 novembre, 7 e 14 dicembre
متى: الاثنين 23 ، 30 نوفمبر و 7 ، 14 ديسمبر
orario - horaire
15,30 per circa due ore - pour environ deux heures
الوقت: على الساعة 15،30 لمدة ساعتين.


email ternidonne@gmail.com telefono + 329.5653008